Via Matildica

Grande partecipazione alla inaugurazione della Via Matildica del Volto Santo - 8 ottobre 2017

Domenica 8 ottobre , nell’ambito dell’iniziativa Nazionale Camminacai 2017, e’ stata inaugurato l’importante Cammino storico-scientifico- naturalistico che collega Mantova a Lucca passando da Canossa. Tale percorso e’ stato denominato:

”Via Matildica del Volto Santo"

Il Comitato Scientifico Centrale si e’ molto impegnato a favore della realizzazione di questa importante percorrenza poiche’ costituisce il piu’ importante strumento di conoscenza del meraviglioso e variegato paesaggio che intercorre tra i magici
laghi di Mantova, le ampie golene del Po, la pianura centuriata, l’inaspettato scenario di Canossa, le spettacolari giogaie dell’appennino e la meravigliosa citta di Lucca. Percorrendo questo cammino si ha la rara possibilita’ di conoscere in modo approfondito la molteplice varieta’ dell’ambienta culturale e naturale del territorio padano-emiliano ed alto toscano: circostanza questa che fa del Cammino Matildico del Volto Santo un autentico itinerario di conoscenza e che per questo motivo e’ stato fortemente caldeggiato dal comitato scientifico centrale. La realizzazione del Cammino non sarebbe tuttavia stata resa
possibile se le sezioni e sottosezioni CAI di Mantova, Novellara, Reggio Emilia, Guastalla, Suzzara, Reggio Emilia, Castelnuovo di Garfagnana , Bardi e Lucca, unitamente ai rispettivi Gruppi regionali non avessero entusiasticamente e con grande professionalita’ aderito al prestigioso progetto.

Tutti i 250 km del percorso sono stati contrassegnati con la segnaletica del CAI ed il logo del Cammino, provvedendo anche a rilevare la traccia digitale GPX dell’intero itinerario. Il successo e l’importanza di questa realizzazione e’ stato sancito domenica 8 Ottobre a Canossa, dove centinaia di soci CAI sono convenuti da piu’ parti per inaugurare alla presenza del Presidente Generale e di numerose autorita’ la nuova percorrenza. E’ stata una grande festa del CAI, che una volta di piu’ ha dimostrato la serieta’ del suo impegno a favore della conoscenza e promozione del grande patrimonio scientifico-culturale della terra Italiana.